Mu u cuntinenti pèrdite, mitu o rialità?

Mu u cuntinente persu

A storia di a distruzzione di Mu, a patria di l'Uomo, hè veramente strana. Lui ci dà a soluzione di u misteru di i marchi bianchi di i Mari di u Sud è ci annuncia cumu una grande civiltà hà fioritu in u centru di u Pacificu, per esse completamente cancellatu in una notte. A i pochi anni fà, i scienziati avianu dubitatu di a pussibilità di l'esistenza in u centru di u Pacificu di un vasto cuntinuu cum'è Mu. Ma da quessa, sò stati scupati documenti, confronti fatti, chì dimostranu chì stu cuntene ha existitu. L'evidenza hè diversa.

Prima, ci sò e tavolette sacre scuperte in un tempiu indianu è decifrata cun l'aiutu di un prete saptu. Queste pillole anu avutu un primu ritrattu di Mu è lanciàvanu assai esploratori in una missione intornu à u mondu. Eranu schiacciati da i Naacals, sia in Birmania, sia in a patria. Ci dicenu cume i Naacals sò stati da stu cuntinuu à u mezu di u Pacificu. Anu cuntatu a storia di a creazione di l'omu nantu à sta terra. Precedenti documenti scritti in Mayax, Egittu è l'India, descrivenu a distruzione di questa terra di Mu, quandu a crosta terrestre era coperta per immergere l'interiore cuntinuu in un abissu di acqua è di fuoco. Dopu e acque di u Pacificu si chjullavanu nantu à ciò chì era statu una putente civiltà.

Documenti di parità

Dopu ci hè una cunfirmazione di l'esistenza di Mu in altri manoscritti antichi, à mezu à i quali un classicu cum'è a epopea indu Ramayana, scrittu da u storicu Valmiki sutta u dettatu di Narana, sughju prete di i templi Rishi (sacri) in Ayhodia, chì le lettu l'antichi archivi di u tempiu. Valmiki dice chì i Naacals sò stati "in Birmania da a so patria in Oriente", vale à dì da l'oceanu Pacificu. Un altru documentu cunfirma a storia di e tavolette sacre è Valmiki; hè u manoscrittu Troano chì hè oghje in u British Museum. Hè un libru Maya assai antica scritta à Yukatan. Hè nantu à a "Terra di Mu", cù i stessi simbuli Mu chì truvamu in India, Birmania è l'Egittu. Avemu sempre un riferimentu à u Codex Cortesianus, un libru maya nantu à u Manoscrittu Troano. È dopu ci hè u Documentu Lhasa, centu di scritti da Grecia, America Centrale, Messicu è dipinti rupestri in e cave di trogloditi di i stati occidentali di i Stati Uniti.

Da Messicu in Giappone, analogie inquietanti

Infine ci sò e rovine, chì, per a so situazione è i simbuli chì i decori, ci danu nantu à u continentu di Mu, a patria di l'Uomo.

Nelle Isole di u Mare di u Sud, cum'è Mangaia, Tonga-tabù, Panape, l'Isule di Marianna è di Pasqua, ci sò oghje resti di tempii di petra antica è ancu di resti monoliti chì risenti da Tempu di Mu. In Uxmal, Yucatan, un tempu ruvatu porta e iscrizioni commemorative di "Terre Occidentali, Dove Venu Da"; è a straordinaria piramide messicana, à sud-ovest di a cità di Messico, hè stata elevata, secondu e so iscrizioni, cum'è un monumentu chì commemora a distruzzione di sti "Tarra Occidentali".

È dopu ci hè a universalità di certi simbuli antichi è di dughjite scuppate in Egittu, Birmania, India, Giappone, Cina, Isole di u Pacificu, America Centrale, Sud America è alcune tribù di America settentrionale. Quessi simbuli è custumi sò cusì simili chì ùn ci hè dubbitu chì anu una risorsa cumuna: MU. Tuttu ciò ci permette di seguità a storia di a distruzzione di Mu.

Un veru paradisu

Questu cuntinente era una immensa pianura collina, chì si estende versu u nord di Hawaii à sudu. Una linea tra Insula di Pasqua è Fiji furmò u so limitu sud. A so larga era più di ottu mila chilometri da est à ovest, è più di cinque chilometri da nordu à sudu. U cuntinente era cumpostu di trè terri, divisi per canali stretti o stritti.

Hè tante volte, in tempi antichi, in tempi antichi - parechji millaia di anni - ma à u lìattu di ciò chì chjamemu tempi storichi, ci era un vastu cuntinuu in u mezu à l'Oceanu Pacificu chì ùn ne vedemu micca oghje cum'è u mare è u celu è chjucu archipelagu chì noi chjamemu l'isule di i Mari di u Sud.

Era un paesu tropicale bellu, coperto di vasti pianuri. E valli è pianure eranu fertili, l'erba cresce è ci era campi coltivati, mentre i monti sò sfocati da una bellissima vegetazione tropicale. Nè una muntagna si stava ghjunghjendu in stu paradisu terrenu, chì e muntagne ùn eranu micca stati cacciati da e visceri di a terra.

Stu grande paese riccu era bagnatu da numerosi fiumi è ruscelli, chì si ferruvanu trà e alte colline è a pianta fertile. A vegetazione lussureggiante circà tuttu u paese cù un magnificu ornamentu verde. Mille fiori fragranti sboccau nantu à l'arburi è i cespugli; e spiagge eranu cuntrate cù alte palme è longu i più alti fiumi di felce cullati da a brizza. In e valli, i fiumi anu formatu laghi intornu à u quali u lotu sacru prosperò. Farfalle di mille culori fluttuavanu sottu l'arburu, è l'agnelli imbarazzavanu di fiorhe in fiore, brillanti cum'è gioielli alati à u sole.

In e foreste virgine vaga da i gregori di forti behemoths è di elefanti agitendu i so orecchie enormi per cacciare insetti indisiderati.

64 milioni di esseri umani

U grande continente era affundatu di una vita felice chì 64 000 000 di l'omi (manoscrittu Troano) regnava supremu. E strade larghe andavanu in tutte e direzzioni, cum'è un web d'araia, è e petre chì pavimentavanu li eranu tantu riunite chì l'erba ùn pò cresce trà a lastra (Raccolta di l'Isula di Pasqua).

À quellu tempu, l'64 000 000 d'abitanti hà formatu una tribù di dieci tribù, o "populi" distinte l'una dall'altra, ma sottu u dirittu di u listessu guvernu.

Parechje generazioni prima, u populu avia sceltu un re è aghjuntu u prefissu Ra à u so nome. Dopu, diventa u capu ieraticu è l'imperatore sottu u nome di "Ra Mu". L'imperu era chjamatu l'Imperu di u Sole.

Tuttu u professu di a stessa religione, adorendu a Divinità in forma di simboli. Tutti anu criditi in l'immortalità di l'anima, chì torna à a grande fonte da chì era venuta.

Tale grande era u so rispettu per a Divinità ch'elli ùn anu mai parlatu u so nome è in e so preghiere è e so suppliche anu sempre parlatu cù u simbulu. "Ra u Sun" era u simbulu cumunu di tutti i so Attributi. U High Priest, Ra Mu era u riprisentante di a Divinità. Era capitu chì Ra Mu ùn deve micca esse vindutu perchè era solu un rappresentante.

Un populu assai bellu è assai pacificu

Tandu u populu di Mu era assai illuminatu è civilizzato. Ùn ci era micca furia in a terra, è ùn ne avia mai statu, perchè tutti i populi di a terra eranu zitelli di Mu è sottu u soprannumore di a patria.

A razza dominante, nantu à a terra di Mu, era una razza bianca; u populu era assai bellu, cù una pelle bè o leggermente dorata, occhi grossi, assai molli, scuri, è capelli neri dritti. A parte da sta razza bianca, ci era ancu altre, cù una pelle gialla, marrone o nera. Ma sò stati micca dominatori.

Questi abitanti di Mu eranu marinari è navigatori audaci chì viaghjenu per u mondu à bordu di i so navi da l'oceanu da a oriente à l'ovest è da u nord à u sud. Erano ancu ottimi architetti chì anu custruitu tempji enormi è palazzi in pietra. Hè pure sculpti è eretti monoliti giganti cum'è monumentu.

Ci hè stata nantu à a terra di Mu sette cità principali, sedi di religione, scienza è studiu. È parechje altre grandi cità è cità sò sparite per e trè terre.

Parechji porti eranu custruiti à a bocca di i fiumi da u quali i navi andavanu per tutti l'ur eiusi, è induve u mercatu era fiorente. A terra di Mu era u grande centru di civilisazione è di cummerciu; tutti l'altri paesi di u mondu eranu solu i so colonie. I so navi travagliavanu in permanenza passeggeri è merci per i vari insediamenti.

U cataclisimu

Mentre sta nazione potente era in u so Zenit, coperta di innumeri tempji è monumenti, era vittima di un cataclisimu.

E rumelle chì s'arrizzanu da l'intestine di a terra seguite da tremore è eruzzioni vulcaniche anu scuzzulatu a so parti miridiunali. In tutta a costa, enormi onda di marea coprenu e pianure è inglutì e belle città. I vulcani spuntavanu fiammi, fume è lava. U paese hè chianu, a lava ùn hè micca falata ma accatastata, furmendu piramidi chì più tardi sò diventate rocce, è chì pò esse vistu oghje nant'à certi isule del sud. Finalmente, i volcani si calmaronu è morse.

Dopu à u scumpientu, u populu di Mu hà fattu a suprana per a so paura. E cità distrutti sò state rializate è a vita hà continuatu.

Diversi generazioni dopu à quellu cataclismu, quandu u fenomenu era quasi uveru, Mu era di novu vittime di terremoti. "Tuttu u cuntintu si susseva è si rotava cum'è e onde di l'oceanu. A terra tremava è tremava cum'è e foglie di l'arburi in una tempesta. I templi è i palazzi si sbriciendu, i monumenti è e statue sò stati rovesciati. E cità eranu solu rovine. "(Manoscrittu Troano, Codex Cortesianus è Documentu Lhasa.)

Quandu a terra si alzava è si calava, tremava è aghjunta, l'incendii sotterranei si ne scòvanu, travaglianu i nubi in un focu di fragnu in cinque chilometri di diametro. E fiamme si stendenu à u fulmine chì strappava u celu. U fumu pesanu hà coputu u cuntenutu. Di novu, urighjinali giganteschi battinu sopra a pianura. E cità è tutti i so abitanti sparìvanu in l'onde.

In un bulbo feroce

Quandu u tramuntu di u sole era apparutu nantu à l'uriziu sottu à u tettu di fumu neru chì cobreva tuttu u cuntinu, era pensatu di vede una palla di focu, trascendente è furore. Quandu avia affundatu sottu à l'orizonte, regna una oscurità opaca, disperata di volta in volta da un fulmine.

Durante a notte, Mu era assai distruttu. In un crastu di apocalypse, a terra condannata si affundisce, in a fiamme di l'infernu "in un oceanu di focu" chì piglia per quessa a so vittima. Mu è i so abitanti 64 000 000 vennu sacrificati.

Mentre Mu si affundò in u so abissu ardente, una altra forza l'attaccò, centu trenta milioni di metri cubi d'acqua! Da tutti i lati i giganti onduli si lamponu. Si scontru à u centru di a terra affundata, è era un bollimentu duru.

E cime, oghje l'isule in u Pacificu

Mu, a patria di l'Uomo, cù e so fiero cità, templi è palazzi, arti, scienze è cultura, ùn hè nisunu un sonniu di u passatu. L'acqua era a so mortaina. Questa catastrofe hè stata u primu passu in a distruzzione di a prima grande civiltà di a Terra.

Per quasi 3 000 anni, a distruzione di Mu hà cundannatu un voile spessu nantu à sta parte di a Terra. Cummattiamu per soffre quellu velu, ma ci sò ancu molte regioni nascoste.

Quandu u cuntinu era strappatu è agguatu da certi fenomeni, altezze è fasce di terra restanu nantu à a superficie di l'acqua. Hè furmati isuli è arcipelagi, ma sò stati strappati da eruzioni vulcanichi.

Dopu avè ricuvatu a terra è tuttu ciò ch'ella cuntene, l'acqua si calmu, cum'è sì soddisfatti di u so travagliu distruttivo, è queste acque sò oghje chjamate l'Oceanu Pacificu. Mai ùn eranu micca attribuiti un nome più ironicu!

Sopravvissuti pietosi

Nantu à queste isule perdute in u mare turmentatu, i sopravviventi di a pupulazione di Mu si stava arrimendu, aspettendu cun angosce a fine di i terribili tremori. Avianu vistu i so tempii è i so palazzi, e so navi è e so strade spariscenu per sempre. Quasi tutti sò inguttati. I pochi sopravviventi di a patria di l'omu si capìanu chì ùn avianu nunda, nè arnesi, nè vestiti, nisun rifugiu, poca terra, mancu cibo. U mare si battia intornu à i so refugghi è sopra i so nubi di fume, di vapore è di cendra ammucciavanu u sole amichevule, stingenu tutta a luce. E critiche di disperazione di i so compatrioti resinu ancu in l'arechje. Era una stampa di orrore per quelli chì anu survigliatu ma sò stati condannati à mori di fame è di friddu. Pochi anu sappiutu sopravvive à u timore appruvamentu, è parechji morse per miseria.

L'isuli di u Mare di u Sud sò tutti chì restano di sti tarreni salvati, è certi di i so abitanti pò dì chì sò i discendenti diretti di u populu di Mu.

À a fine di pochi ghjorni, u fumu è i vapori à sulfuri finu da dissipari. U sole hà travagliatu u velu di nuvuli. E nuove isole sò stati vindicate da omi è donne spaventate chì avianu avutu a fortuna di mori. Deve esse piena di pietà, quelli superstiti di a più grande catastrofe in u mondu!

Caduta in u savagery più basso

In sti circostanze, hè faciule per pensà à ciò chì accadde. Parechji eranu quelli chì orrore avia amparatu, d'altri pricavanu chì a morte li liberassi da i so paterni intollerabili. Per existendu, semplicemente, anu solu una sola cosa lasciata: scendere in i prufondi di u salvaghju è, per un tempu almenu, feed l'altro.

E pussule di l'animali, s'ellu ci hè qualchì, è e foglie di l'arburi avianu da esse u so solu vestiti in futuro. E scure, lance è frecce saranu e so armi di difesa. Avianu à fà i so arnesi cun cusciuli è silici. Ma a cosa principale, ùn era micca cibo? Senza dubbitu, assai morti di freddi, di fami è di timore, è à a so morti u so corpu sirvìu di manghjà per i sopravvissuti. Hè cuminciatu canibalismu è feroce. Dunque, i superstiti di a maiò civilisazione in u mondu sò cascata in u salvaghju di più ughjettu, chì hà continuatu guasi finu à l'odià.

James Churchward

SOURCE: rd.free.fr/pages/01_MU_le_continent_perdu.html

Chì hè a vostra reazione?
Amore
Haha
Stupendo
Tristu
furia
Avete rispundutu "Mu u continente perdutu, u mitu o a realtà?" Parechji sicondi dopu

Vi piaciu sta publicazione?

Risultati di i voti / 5. U numeru di voti

Cumu piace a nostra pubblicazioni ...

Segui a nostra pagina Facebook!

Mandà sta à un amicu