Discorsu di u Rè Gbehanzin in u 20 January 1894

U rè Gbehanzin
Grazie per a spartera!

Companioni di disgrazia, l'ultimi amici fideli, sapete sutta chì circustanze, quandu i Francesi volianu aghjunghje a terra di i nostri babbi, decisu di battre.

Eramu era certu di guidà u nostru esercitu per a vittoria. Quandu u mo guerrieri canta par milla à difenda Dahomey è u so rè, aghju ricunnisciutu incù orgogliu u curaghju di quelli chì prutistari Agadja à Tegbessou à Ghézo è Glèlè. In tutte e battaghju eru a so banda.
In spite da a ghjustìzia di a nostra causa, è u nostru valore, e nostre truppi compacti anu mancatu in un mumentu. Ùn pudianu micca scunfighja i bianchi chì avìanu a coryngie è a disciplina ancu elogiosu. E già a mezza vuci, ùn ùn svegliate più u risu.
Induve sò l'amazoni ardente chì creanu una cundanna sante?
Induve, i so capi indomitable: Goudémè, Yéwê, Kétungan?
Induve, i so capitaine robustu: Godogbé, Chachabloukou, Godjila?
Quale canteraghju i so splendide sacrifici? Quale chì diciarà a so generosità?
Perchè anu stampatu cù u so sangue u pattu di a fideltà suprema, cumu pudeiu accettà senza ellu una abdicazione?
Como me atrevo a aparecer ante ti, guerreros bravos, si firmé el periódico del General?
Micca! Per u mo destinatu ùn turnaranu a me spalle. Forse aduprà è camperà. Per a vittoria più bella ùn pò micca esse guadata annantu à un esercitu inimicu o l'oghji cunnannati à u silenziu di u cunchju. Hè veramente victorioso, l'omu chì ferma quì u quale si cuntinueghja à pughjassi in u so core. Ùn vogliu micca l'uffiziente aduanale, à e porte di a terra di i morti, per affucà à i mio pedi. Quandu mi vede da novu, vogghiu u me panna per apre a gioia. Avà venite à mè ciò chì piace à Diu! Quale sognu per fà a me sparizzione una laguna in terra?
Lassa, i vostri cumpagnie viventi. Unite Abomey induve i novi maestri prumesse una alianza dulce, a vita guida è, pari, libertà. Eccu, hè dettu chì l'aligria hè rinatu. Ci, pari chi bianchi sarà cum'è favore cum'è l 'arcusgi chì drapes francese flamboyant villutu russu, o lu suli gilds l' aricchi longa dâ sita.
Companions gone, héroes anu chjapputu di una epica tràgica, quì hè l'offerta di ricurdà: un oliu pocu, una farina pocu è u sangue di u toru. Eccu u pactu rinuvatu prima di a biga partenza.
Farewell, suldati, addiu!
Guédébé ... resta hè persone, cum'è mè, cum'è un omu liberu. Sicondu u sangue di i suldati uccisi guarantiti a risurrezzione di Danhome, u sangue ùn deve micca più. L'antenati ùn anu nunda di fà cù i nostri sacrifìzii. Prughjettanu megliu l'omaggiu tutte di sti cori fideli unificati per a grandezza di u paese.
Questa hè per quessa ch'e vogliu accunsentì à a longa notte di pacienza à quale alliscià.
Guedbe, cum'è l'ànghjulu di a pace, vai à Ghoho, induve General Dodds hè campatu.
Vaju dicu à u cunquistatore chì ùn ùn arpone u tiburu.
Vaju dicu chì dumane, à a matina, di u mo testamentu liberu, andò à u paesi di Yégo.
Vaju dicinu ca l'accetta, per a survivanza di u mo pòpulu, per scuntate in u so paese, secondu a so prumessa, u presidente di u Francescu.

Grazie per avè riagitu cù una emoticon
Amore
Haha
Stupendo
Tristu
furia
Avete rispundutu "Discorsu di u Re Gbehanzin l'annu 20 1894" Parechji sicondi dopu