Studente nigeriano risolve il vecchio problema di matematica 30

Efot Ekong
Studente nigeriano risolve il vecchio problema di matematica 30
3.7 (73.33%) 3 voto [s]

Efot Ekong, uno studente nigeriano alla Tokai University in Giappone, ha risolto un'equazione matematica intrattabile da 30 anni fa. Il piccolo genio riserva comunque molte altre sorprese al culmine della sua ultima impresa.

Efot Ekong è uno studente insolito. Recentemente ha risolto un'equazione matematica intrattabile per più di trenta anni durante il suo primo semestre alla Tokai University, in Giappone. Ma il giovane prodigio non si è fermato qui nelle sue esibizioni quotidiane.

Questo studente nigeriano della Tokai University in Giappone ha accumulato successi accademici e brevetti. Già laureato in ingegneria elettronica, il giovane continua i suoi studi specializzandosi in robotica. Ma lo studente nigeriano non si è fermato qui. Infatti, ha ricevuto i migliori risultati degli ultimi cinquant'anni dalla sua università giapponese, la Tokai University di Tokyo. Università anche molto prestigiosa a Giappone.

Per continuare sulla strada dell'eccellenza, Ufot Ekong ha vinto numerosi premi. In totale, lo studente ha accumulato il premio 6 per l'eccellenza accademica sin dall'inizio dei suoi studi. Per aumentare la difficoltà e la sfida, il giovane ha anche due lavori accanto ai suoi corsi per finanziare i suoi studi.

Ekong parla anche quattro lingue: inglese, francese, giapponese e yoruba, sua lingua madre. Dal momento che non sembra fare le cose a metà, il giovane ha vinto il premio per il miglior studente in lingua giapponese per stranieri. Per quanto riguarda i brevetti, Ekong ne ha già due nel suo nome per la progettazione di auto elettriche.

FONTE: http://etudiant.lefigaro.fr/international/actu/detail/article/un-etudiant-nigerian-resout-une-equation-insoluble-depuis-30-ans-15881/

Grazie per aver reagito con un'emoticon e condividere l'articolo
Amore
Haha
Wow
Triste
Arrabbiato
Hai reagito "Uno studente nigeriano risolve un problema di matematica ..." Qualche secondo fa

Leggere anche